Intolleranze

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Intolleranze

Messaggio Da cryssy il Mer 29 Ott 2008 - 19:11

Buongiorno dottore,
prima di tutto volevo darle il mio benvenuto nel forum ringraziandola del tempo che ci dedica,, dopo questo volevo chiederle,...ho fatto un test per le intolleranze alimentari in un'erboristeria dove ha utilizzato una penna magnetica su le mie dita, concludendo che sono intollerante a perecchie cose (alimenti che utilizzo di frequente) (ovviamente il mio corpo ha un'eccesso di questi.,,lievito:pomodoro ecc...) pero' volevo sapere se effetivamente questo test posso ritenerlo valido e procedere eliminando qualche alimento o se solo dagli esami del sangue si riscontrano le vere intolleranze....,.
?Premetto che ho fatto questo test perche' il mio problema come tante ragazze e' il gonfiore e problemi intestinali. grazie
avatar
cryssy
Utente

Femminile
Numero di messaggi : 247
Età : 37
Località : Como
Data d'iscrizione : 16.03.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Intolleranze

Messaggio Da valerio rizzo il Mer 29 Ott 2008 - 23:45

buongiorno cryssy,
direi due cose:
1. spesso quei problemi che mi cita, di gonfiore e colon irritabile, si risolvono mettendo a posto l'alimentazione in generale. ovvero acquisendo abitudini alimentari corrette, in un'alimentazione variata, equilibrata, adeguata dal punto di vista calorico e, non ultimo, da quello della distribuzione dei nutrienti nell'arco delle 24 ore.
oltre a ciò, occorre imparare a bere a sufficienza.
in questo modo si risolvono eventuali carenze e eccessi.
per ottimizzare il lavoro, occorre inoltre andare a vedere la fonte degli alimenti che si usano, cercando il più possibile di mangiare in modo sano per ridurre il carico di tossine.
2. i test di intolleranza alimentare sono spesso molto più utili a chi li vende che altro. in linea di massima mi fiderei di più di un test eseguito sulla risposta dei globuli bianchi agli alimenti; quello che ha fatto lei non mi sembra molto affidabile, ad occhio. comunque, quando le tolgono un bel pò di alimenti che lei usa molto spesso, c'è una discreta probabilità di togliere alcune delle fonti dei suoi disturbi.
i problemi sono due:
1. lei si priva di tutte quelle cose per un periodo, poi le introduce, in quel modo andando a ristabilire l'eventuale accumulo e quindi anche (se ci vogliamo credere) i sintomi.
2. privandosi di molti alimenti di uso comune, sbilanciando l'alimentazione, lei può rischiare di andare incontro a delle carenze nutrizionali serie e quindi ad un dimagrimento controproducente (perdita di massa magra).

per questo io adotto invece la strategia di perseguire un miglioramento e/o un dimagrimento attraverso la dieta e il miglioramento dello stile di vita.
se poi qualcosa impedisse l'ottenimento degli obiettivi attesi, è solo allora che consiglio di eseguire il cyto toxic test, presso un laboratorio convenzionato.

spero di essere stato chiaro e utile.

_________________
www.biologonutrizionista.it

valerio rizzo
Biologo Nutrizionista

Maschile
Numero di messaggi : 29
Età : 44
Località : pesaro
Data d'iscrizione : 17.10.08

Vedi il profilo dell'utente http://www.biologonutrizionista.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Intolleranze

Messaggio Da Ellys il Gio 30 Ott 2008 - 10:07

Grazie Valerio, questa discussione è stata utile anche a me...

Per chi non sapesse cos'è il CYTOTOXIC TEST ecco di cosa si tratta:

Per diagnosticare le Allergie Alimentari Croniche esistono diverse metodiche ma spesso con attendibilità esigue, questo perchè le reazioni si manifestano con modificazioni cellulari e di solito non è presente il fenomeno IgE. Il metodo più efficace adottato dall'Ecologia Clinica è il:
CYTOTOXIC - TEST® PROVE TOSSICHE ALIMENTARI SUL SANGUE
Al paziente viene consiglio di assumere, nelle ultime 3-4 ore prima del prelievo, solo i seguenti alimenti: frutta, succhi di frutta, centrifugati e verdure.
E' controindicata l'assunzione di cortisonici nei 10 giorni precedenti al test. Gli antistaminici e le altre categorie di farmaci non alterano i risultati.
PROVE TOSSICHE ALIMENTARI SUL SANGUE
Molti ricercatori ritengono che l’intensa crescita dei fenomeni allergici cui stiamo assistendo negli ultimi anni sia da attribuire alla crescita di fenomeni di intolleranza alimentare.I fenomeni di intolleranza (o ipersensibilità) alimentare sono dovuti a un fenomeno di accumulo, come se si trattasse di un avvelenamento progressivo, e quindi differenti da allergie alimentari in cui la reazione è immediata dopo l’ingestione del cibo responsabile.
E’ importante conoscere l’esistenza di questo fenomeno, perchè gli effetti di una intolleranza sull’organismo sono effetti di tipo sub-clinico, cioè non immediatamente evidenti, ma che giorno dopo giorno provocano la crescita di fatti infiammatori che determinano malattie sicuramente impegnative.
Infatti, quasi tutte le malattie infiammatorie e catarrali ripetute (faringiti, tonsilliti, bronchiti, malattie invernali, otiti e via di seguito) possono essere causate dall’esistenza di un’intolleranza alimentare.
E’ chiaro che non è il cibo ad essere responsabile della faringite, ma a determinare un’infiammazione costante della faringe che verrà infettata con più facilità da qualsiasi agente patogeno.
*** Altre patologie correlabili alle intolleranze alimentari sono forme infiammatorie come cefalea ed emicrania (ipersensibilità al latte e ai suoi derivati), come artrite reumatoide e altri disturbi artro-reumatici, l’eczema e le dermatiti croniche (anche psoriasi) e le orticarie ***
Per diagnosticare le intolleranze alimentari si esegue il test citotossico che valuta le modificazioni a carico dei leucociti del paziente a contatto con estratti alimentari.
I risultati sono qualificati su una scala che va da 1 a 4, a seconda della gravità di reazione.

Fonte: http://www.biosystem.it/vis_dettaglio.php?id_livello=59

_________________

Ellys per gli amici!!!
Ridi del duol che t'avvelena il cor!!!
avatar
Ellys
Admin

Femminile
Numero di messaggi : 474
Età : 33
Località : VR
Data d'iscrizione : 11.01.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Intolleranze

Messaggio Da cryssy il Dom 2 Nov 2008 - 17:15

grazie gentilissimi come sempre,! pero' il mio dubbio rimane in parte, cioe' io evito di mangiare a mezzogiorno( sbagliatissimo), ma questo perche' appena ingerisco un'alimento sopratutto pasta il mio stomaco inizia a gonfiarsi e sento una fortissima pesantezza,togliendomi (forse una mia impressione) energie. Per cui mi chiedo e' possibile che un piatto di pasta procuri questi sintomi? Bisognerebbe come dice lei iniziare a eliminare qualche alimento che mi crea disturbo, inserendo piano piano altri tipi di pasta( di farro ecc..) Dobbiamo imparare dai punti di allarme che ci invia il nostro corpo? sonjo questi i disturbi alimentari!?Premetto non lo faccio per dimagrire, ma perche' effettivamente riscontro il problema.
avatar
cryssy
Utente

Femminile
Numero di messaggi : 247
Età : 37
Località : Como
Data d'iscrizione : 16.03.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Intolleranze

Messaggio Da valerio rizzo il Mer 5 Nov 2008 - 12:30

a mezzogiorno non c'è solo la pasta! ci sono moltissime possibilità di pasti veloci, leggeri e nutrienti.
e comunque, come ripeto spesso: in casi del genere non ha senso considerare solo l'evento o l'alimento che scatena il problema: c'è una predisposizione alla base evidentemente che deriva da tutto lo stile di vita, dallo stato nutrizionale generale, da quello che si mangia negli altri pasti, da quello e quanto si beve, ecc...

_________________
www.biologonutrizionista.it

valerio rizzo
Biologo Nutrizionista

Maschile
Numero di messaggi : 29
Età : 44
Località : pesaro
Data d'iscrizione : 17.10.08

Vedi il profilo dell'utente http://www.biologonutrizionista.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Intolleranze

Messaggio Da mara il Mer 5 Nov 2008 - 15:46

Potresti comprare degli enzimi digestivi che ti aiutino a digerire meglio la pasta.

mara
Utente

Femminile
Numero di messaggi : 6
Età : 45
Località : san mauro
Data d'iscrizione : 23.09.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Intolleranze

Messaggio Da cryssy il Mer 5 Nov 2008 - 23:50

non e' un fatto di digestione, anzi non ho nessun problema, e purtroppo non e' solo la pasta (era un'esempio) qualsiasi alimento mi crea quel problema,..
e anche secondo c'e effettivamente un problema alla base, Forse e' tutto l'insieme del mio stile di vita. o forse no. E' difficile a risalire alle radici. Cavoli se e' difficile trovare uno stile di vita che equilibri l'alimentazione e viceversa.....
avatar
cryssy
Utente

Femminile
Numero di messaggi : 247
Età : 37
Località : Como
Data d'iscrizione : 16.03.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Intolleranze

Messaggio Da valerio rizzo il Gio 6 Nov 2008 - 13:34

è difficile si!
per questo è spesso consigliabile un approfondimento serio e completo, che riguardi sia l'alimentazione abituale che lo stato nutrizionale, per come si riflette sulla composizione corporea.
questo si può fare solo con una consulenza in studio presso un nutrizionista.
visto che diventiamo ciò che mangiamo e siamo ciò che abbiamo mangiato, la scelta del come, quanto, e cosa mangiare è veramente importante per ottenere effetti non solo sul peso, ma anche sullo stato di salute, sull'umore, ecc...
comunque, per i problemi di digestioni difficili, dei gonfiori, dell'acidità di stomaco, dell'aerofagia e flatulenza varie, spesso è l'intero sistema enzimatico corporeo che non è in condizione di funzionare per la presenza di un alterata acidità corporea.
quindi, mangiando alimenti ricchi di enzimi, co-enzimi e minerali, quindi con un'opportuna alimentazione e, se necessario, con una supplementazione, si arriva a correggere l'acidità metabolica e quindi a migliorare questi sintomi.

_________________
www.biologonutrizionista.it

valerio rizzo
Biologo Nutrizionista

Maschile
Numero di messaggi : 29
Età : 44
Località : pesaro
Data d'iscrizione : 17.10.08

Vedi il profilo dell'utente http://www.biologonutrizionista.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Intolleranze

Messaggio Da cryssy il Lun 10 Nov 2008 - 20:15

caro dottore, mi sa allora che io sono piena di acidita', avendo fatto anche da poco l'ulcera e avendo sempre il reflusso, sopratutto quando mi sdraio,.
Per cui riflettendo su i suoi consigli ho pensato di integrare nella mia alimentazione questi alimenti per poter combattere questa acidita'. Lo so non va bene fare da se', ma volevo provare per un periodo e constatare le differenze. Ho iniziato con il pane di kamut e pasta e riso al farro,(preciso non sono il massimo), e alla sera una bella tisana alla malva. Cosa ne pensa.
Poi ho gia' in programma una visita dal nutrizionalista nelle mie vicinanze, ma che lavora sempre in erboristeria, (sono affidabili)? grazie per l'attenzione.
avatar
cryssy
Utente

Femminile
Numero di messaggi : 247
Età : 37
Località : Como
Data d'iscrizione : 16.03.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Intolleranze

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum